Architetture ecclesiastiche a rozzano

Sono presenti sul territorio di Rozzano diverse chiese, tra cui alcune risalenti a fino al XII-XIII secolo. Infatti, uno dei primi documenti in cui viene citato il nome di "Rozzano" risale alla data 3 novembre 1119, dove l'Arcivescovo di Milano Giordano da Clivio nomina Rozzano, come luogo in cui si trovava una congregazione di decumani, addetti ai servizi delle undici chiese matrici di Milano.
 

La chiesa di San Biagio a Cassino Scanasio
 
In quei secoli le parrocchie non esistevano e Rozzano era sottoposto alla pieve di Locate che, organizzata come centro amministrativo, commerciale e militare, fungeva da polo di aggregazione della popolazione dislocata sul territorio. A tale pieve quindi, originariamente, dovevano recarsi anche i fedeli per ricevere i sacramenti. In seguito, nelle diverse località della pieve stessa sorgeranno chiese o cappelle in cui i canonici, provenienti dalla sede centrale, celebreranno le funzioni religiose. Tale decentramento darà origine dopo il Concilio di Trento (1545-1563) a parrocchie indipendenti. 
 

Soffitto a cassettoni della chiesa di
San Fermo a Quinto de Stampi


Il prezioso organo costruito da Giusepe Bernasconi
nel 1874 nella chiesa di Sant'Ambrogio a Rozzano

 

Cappella di San Giorgio, Villalta - Ponte Sesto